MY HOME RESTYLING!

Negli ultimi mesi dell’anno appena passato sono stata molto indaffarata nel restyling della casa dove andrò ad abitare..non che non fosse già accogliente e bella com’era, ma da appassionata di arredamento e design quale sono ho cercato di metterci del mio con alcune modifiche non troppo dispendiose ma efficacissime vi assicuro. A volte, vi garantisco, che bastano davvero pochi accorgimenti per personalizzare un ambiente e renderlo piacevole. Qualche oggetto che ci piace messo al posto giusto, un’attenta scelta dei tessuti delle tappezzerie, tappeti adeguati, un allestimento proporzionato degli arredi e il gioco è fatto!

Premessa: l’appartamento in questione ha il pregio di essere molto luminoso e abbastanza grande per i canoni attuali, quindi non è stato difficile renderlo ancora più bello di come già era.

Le stanze oggetto degli interventi più importanti sono state il salone e la camera da letto.

Nel salone le pareti avevano un intonaco al quarzo graffiato, dalla superficie molto granulosa al tatto, l’ho fatto rasare così da renderlo liscio ed ho dipinto due pareti di color tortora molto tenue (nel mezzo della stanza troneggia il mio famoso divano!).
La camera da letto principale era arredata con mobili antichi anni ‘30, le classiche camere antiche in radica con cassettone con specchiera, armadio, comodini e letto abbinato. E’ stato eliminato tutto a parte il cassettone privato dello specchio, letto nuovo e altri complementi dalle linee pulite hanno sostituito i mobili preesistenti; la parete dietro a letto è stata pitturata di color argilla (un grigio scuro caldo) ed è perfetta in contrasto con il letto tessile color grigio chiaro melangiato.

Importanti accorgimenti! :
I termosifoni prima di color bronzo/oro li ho fatti colorare di bianco dal carrozziere con una vernice resistente al calore; una volta rimessi al loro posto il cambiamento è stato sorprendete! Ora quasi spariscono e non si notano più come prima. E poi sembrano nuovi.
I tendaggi prima ampi e lunghi, e in cucina colorati ad esempio sono stati ridotti e (dove per ora ho potuto visto che le tende le cucio da sola) sostituiti da tessuti chiari e leggeri; anche questo è un accorgimento da non sottovalutare se volete dare più freschezza ad una stanza.
I quadri molto importanti di prima sono diminuiti o stati sostituiti da qualche stampa dal sapore più contemporaneo (anche se di molto meno valore purtroppo); premetto che se potessi, visto che sono un’amante dell’arte in genere, farei volentieri un investimento su qualche bel dipinto, ma per adesso le stampe comprate in giro per i musei sono un buon compromesso.
I cuscini!! I miei amati cuscini! Sono essenziali per dare un nuovo look a divano e letto! Quindi scegliete attentamente stoffe e abbinamenti.
E infine..
Le illuminazioni, importantissime per dare identità ad un soggiorno come ad una camera o un ingresso. Nel mio caso alcune plafoniere sono state sostituite da lampadari cheap ma molto chic a mio parere, e quello in camera l’ho realizzato io!

Intanto qualche foto di alcuni dettagli.. in settimana ne pubblicherò altre!  STAY TUNED!

Il mio divano con cuscini dai colori naturali cuciti da me.

Le mie adorate piantine grasse in vasini Ikea,sottopiatti in paglia Ikea,timer Ikea, posa mestolo Eno Studio.

Contenitori in fibra di bamboo acquistati al Mak di Vienna, zuccheriera Eno Studio, tagliere Ikea.

Il mio amatissimo pezzo raku d Mara Funghi, candelabri Ikea e qualche ramo di bamboo per creare atmosfera all'ingresso.
Alcune delle mie riviste preferite, cornice Ribba di Ikea.

Ecco la parete della camera da letto! e il mio contenitore in bamboo portasciarpe :)

Il mio nuovo letto in tessuto con lenzuola in cotone e cuscini francesi in lino grigio.
Sopra una coperta trapuntata fatta da me in tessuto scamosciato e cotone.

La mia coperta, ne vado fiera!
Ho impiegato del tempo per realizzarla, sono partita da uno scapolo in tessuto scamosciato che avevo in casa da anni, poi ho comprato il retro, l'imbottitura in ovatta e ho cucito punto per punto tutte le impunture (credo siano un centinaio!), ma alla fine ne è valsa la pena.

Crochet baskets

Qualche mese fa mi sono divertita a realizzare qualche piccolo cestino ad uncinetto, con una fettuccia in jersey molto alta. Il risultato è stato molto carino e una gentilissima lettrice della mia pagina mi ha chiesto se potevo realizzare una cesta anche per lei. E' uscita abbastanza bene, ma pare che l'iniziale idea di mettervi dentro un vaso con una bella pianta grassa sia stata boicottata da dei coinquilini un po' invadenti.. 


I miei cestini realizzati qualche mese fa


La realizzazione della cesta per la mia lettrice Cinzia.

Ecco la cesta finita! 
Anche i mici della casa sembrano apprezzare..!


La nuova Vienna!



Ciao a tutti!
Ci ritroviamo nell'anno nuovo con il racconto di uno scorcio del mio viaggio nella capitale austriaca, centro pulsante  di arte, bellezza e stile. Qui sono nati e vissuti artisti come Mozart, Beethoven, Shubert e Brahms ed ancora oggi si respira l'aria della Belle Epoque degli anni ormai andati.
Negli ultimi anni Vienna sta vivendo un periodo di trasformazione: fondatori di musei, istituzioni e collezionisti promuovono l'arte contemporanea, mentre architetti e designer ridisegnano la città.
Tutto sembra dominato da un perfetto equilibrio, i palazzi aristocratici della dinastia Asburgo, le facciate in maiolica coloratissima del periodo della secessione e le architetture contemporanee in vetro e acciaio convivono perfettamente in un'atmosfera quasi magica.
Così fra una tartina da Trzesniewski (uno dei più antichi locali della città specializzato in tartine di tutti i gusti), una passeggiata nella shopping street di Mariahilfer Strasse, una mattinata alla ricerca di affari al mercatino delle pulci di Nashmarkt, sono volati 4 giorni! 

A voi un piccolo assaggio della splendida Vienna ripresa in qualche scatto!
Palazzo Imperiale
Le luci nelle vie del centro
Uno dei simboli dello stile viennese dei primi 900: la stazione di Karls Plaz progettata dall'architetto Otto Wagner.
Il Majolikahaus
Il nuovo Museums Quartier una volta sede delle scuderie imperiali (sapete che quando fu realizzato il nuovo progetto e smantellate le antiche scuderie imperiali, per svuotare i locali, davvero immensi e sontuosi,fu indetta una giornata appositamente per "depredare" i locali esistenti nel vero senso della parola! Ognuno poteva andare, prendere quel che voleva e portarselo via (porte, maniglie, mobili, lampadari..qualsisi cosa!) alquanto folle direi..)

Al Leopold museum, nel Museums Quartier, la collezione di Egon Schiele (questo il suo autoritratto)
le famose tartine di Trzesniewski
il mercatino di Natale a Rathausplatz
Il Mak museo del design austriaco ed europeo con collezioni che vanno da medioevo ad oggi.

La galleria delle sedie Thonet in legno ricurvo in stile liberty che ancora oggi arredano i principali caffè viennesi



Le famose Thonet hanno ispirato anche un Ikea ancora agli inizi. 
In 'europa inizia a prendere piede la passione per l'interior design di tendenza, ora accessibile a tutti.

Una sintesi del design austriaco fra il '55 e l''85
Pezzi di stoviglie per uso quotidiano esposti al Mak..non li trovate attualissimi??
Pensate che vengono dalla Svezia degli anni 50!
Ancora stoviglie anni '50 dal sapore attuale.
Qui una parte dell' excursus sullo stile delle cucine da metà '800 ad oggi.

L'evoluzione del pela patate! 

e l'evoluzione dello sgabello presentato in tutte le sue declinazioni.
Come non immortalare la famosissima sedia di Rietveld che sicuramente avrete già visto in tutti vostri libri di arte contemporanea.

E la prima Wassily Chair di Marcel Breuer, oggi pezzo di culto del design contemporaneo.
I nuovi salotti viennesi in due allestimenti da Christian Einwaller Interiors.